Milan
Economia

Milan: il bilancio non passa l’esame UEFA. L’Europa League è a rischio

Il Milan non ha passato l’esame UEFA sul bilancio. Si tratta della seconda tegola che cade sulla testa dei rossoneri, dopo la bocciatura sul “voluntary agreement” di qualche mese fa.

Il Milan avrebbe violato il fair play finanziario per gli ultimi tre anni, e sarà la camera arbitrale della UEFA a decidere le sorti dei rossoneri. La sentenza arriverà a metà giugno, e non è da escludere una sanzione pesante.

Il Milan potrebbe perdere il diritto a partecipare all’Europa Leauge, rinunciando così agli introiti derivati dalla competizione. Sembra però che l’organo calcistico europeo sia orientato a punizioni più lievi, vista l’importanza storica del club.

Il bilancio del Milan

Continua a far discutere dunque, la situazione finanziaria del Milan, sempre avvolta nelle nebbie del patron cinese Yonghong Li. Le inchieste dei mesi scorsi avevano rivelato molte ombre su questo personaggio, indebitato con il fondo Elliott Management per più di 300 milioni. Questi soldi sono stati utilizzati proprio per l’acquisto del club rossonero, e sarebbero al centro dell’indagine UEFA.

Il Milan non fornirebbe garanzie su questo debito, avendo preventivato introiti che invece non ci saranno, vista la stagione appena conclusa. I rossoneri infatti, non parteciperanno alla Champions, vero pozzo d’oro del calcio, e non avranno gli incassi ipotizzati sul merchandising, perché niente è stato fatto sul mercato cinese.

Ma peggiore è la situazione del patron stesso, per cui si ipotizzano grosse grane finanziarie e anche giudiziarie in Cina. In patria infatti, è conosciuto solo per il fallimento della sua holding, ma si hanno forti dubbi sulle sue reali proprietà. E la UEFA, non si farà certo pigliare per il naso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Spam protection by WP Captcha-Free